share on facebook share on twitter share on g+ pin it on pinterest

18 giugno 2014

Shatush? Shatool!

Luca Valli ci parla dell’innovativo strumento che rivoluzionerà lo Shatush.

Ricordate? Nell’ultima intervista ci aveva detto che a breve sarebbe arrivato un innovativo strumento, un tool firmato Intercosmo capace di rivoluzionare il servizio shatush in salone. Noi non ce ne siamo dimenticati e adesso che Shatool non è più un segreto siamo tornati da Luca Valli per farci spiegare come funziona.

Allora Luca, ora che Shatool è diventato realtà, cosa puoi dirci di questo strumento?
Prima di parlare dei suoi vantaggi vorrei chiarire di che cosa si tratta. Shatool è uno strumento semplicissimo: è un tool composto da due lati, uno brandizzato Voilà-Nutrilux e un altro in hook tape. Ideale per suddividere i capelli senza cotonarli per ottenere lunghezze dei capelli sempre illuminate.

Ok, diciamo che abbiamo capito di che cosa si tratta. Ma se dovessimo spiegare come si usa?
L’utilizzo cambia a seconda della tipologia di capello.
Se ci troviamo di fronte ad un capello sottile, sarà sufficente appoggiare la ciocca che vogliamo schiarire all’interno dello shatool e richiuderlo su se stesso per poi suddividerla.

Se invece i capelli su cui stiamo lavorando sono grossi e corposi, bastera’ chiudere la ciocca che vogliamo schiarire o colorare all’interno di due shatool sovraponendoli tra loro.

Fissato lo strumento sui capelli della nostra cliente, non resterà che da trattenere la ciocca per le punte e spingere Shatool verso la cute, in modo da ottenere una perfetta suddivisione dei capelli. 

E per quale motivo un parrucchiere dovrebbe scegliere di utilizzare questo strumento?
Credo che i veri punti di forza siano quattro: l’estrema velocità di applicazione, la possibilità di selezionare con incredibile precisione delle micro-ciocche, l’effetto finale tridimensionale e la facilità a districare i capelli in fase di risciacquo. Non posso poi dimenticare l’aspetto estetico dello strumento, che valorizza il servizio, trasformandosi in un veicolo di marketing.

Cosa intendi per effetto finale tridimensionale?
E’ semplice. Grazie a questo strumento il parrucchiere è in grado di sezionare la ciocca interessata in piccolissime ciocche su cui poi andrà ad applicare lo schiarente (Nutrilux) o il colore vero e proprio (Voilà 3c Intense). In questo modo lo Shatush risulta incredibilmente naturale e il colore assume una meravigliosa profondità.

Ringraziamo ancora una volta Luca per la sua disponibilità e vi consigliamo di guardare il video di presentazione di Shatool, per vedere con i vostri occhi quanto sia semplicemente geniale.

brand news